Giovani in agricoltura: Bando della Regione Puglia per il primo insediamento in agricoltura

Con l’ Avviso Pubblico n. 248 del 25/07/2016 la Regione Puglia ha dato avvio alla sottomisura 6.1  “Aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori” del Programma di Sviluppo Rurale (PSR)2014/2020.

Obiettivi del Pacchetto Giovani sono:

  • sostenere l’accesso dell’imprenditoria giovanile in agricoltura anche al fine di creare imprese innovative ed orientate verso lo sviluppo di nuovi prodotti e di nuovi sbocchi commerciali;
  • mantenere e consolidare il tessuto socio-economico nelle zone rurali per garantire il mantenimento di aziende vitali e produttive in costanza di esercizio dell’attività agricola;
  • garantire un ricambio generazionale funzionale al rinnovato quadro di riferimento economico e sociale dell’agricoltura e al ruolo che questa deve assumere nella società.

Congiuntamente alla precitata sottomisura, per favorire lo sviluppo integrato delle aziende agricole oggetto di insediamento, si attiva con la modalità di “Pacchetto Integrato”, il cosiddetto “Pacchetto Giovani Agricoltori”, costituito da:

- operazione 4.1.B “Sostegno per gli investimenti materiali e immateriali realizzati da giovani agricoltori che si insediano per la prima volta con il sostegno della Misura 6.1; -

-  sottomisura 6.4 “Investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole”;

- sottomisura 3.1 “Sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità”.

Allo scopo di accompagnare i giovani nel processo di avviamento delle imprese agricole e di soddisfare le esigenze degli stessi in termini di formazione e consulenza aziendale è possibile manifestare, nell’ambito del Piano Aziendale, l’interesse ad accedere ai servizi di formazione e consulenza di cui alla:

- sottomisura 1.1 “Sostegno per azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze”;

 - sottomisura 2.1 “sostegno allo scopo di aiutare gli aventi diritto ad avvalersi di servizi di consulenza”.

Soggetti richiedenti:

         età compresa tra 18 anni compiuti e 40 anni non ancora compiuti;

         possesso di adeguate qualifiche e competenze professionali;

         insediamento per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo azienda, ovvero di titolare o contitolare dell’impresa agricola;

          assunzione per la prima volta della responsabilità civile e fiscale di una impresa agricola;

Entità degli Aiuti:

1.       Giovane che si insedia in un’azienda preesistente proveniente da un unico produttore cedente:

Sostegno in zone ordinarie €. 40.000,00

              Sostegno in zone svantaggiate ad aree C e D €. 45.000,00

2.       Giovane che si insedia in azienda di nuova costituzione ovvero un’azienda agricola proveniente da più produttori cedenti:

Sostegno in zone ordinarie: €. 50.000,00

Sostegno in zone svantaggiate ed aree C e D; €. 55.000,00.

Attività ammissibili operazione 4.1B 

1.costruzione ex-novo e ammodernamento di fabbricati rurali da utilizzare a fini produttivi agricoli e zootecnici;

2.acquisto o il leasing con patto di acquisto di macchinari nuovi e attrezzature, compresi i programmi informatici, fino al valore di mercato del bene che favoriscono:
a. l’aumento della produttività;
b. la razionalizzazione e la riduzione dei costi;
c. la riduzione del consumo energetico;
d. la produzione di energia da fonti rinnovabili ad esclusivo uso aziendale.
e. il miglioramento dell’efficienza e/o la riduzione delle quantità nell’uso di fertilizzanti e/o fitofarmaci;

3.strutture aziendali di stoccaggio biomasse;

4.investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli edifici rurali produttivi agricoli;

5.impianti di colture arboree;

6.impianti, macchine e attrezzature innovativi che favoriscono il miglioramento dell’efficienza irrigua e l’ottimizzazione dell’uso della risorsa irrigua;

7.interventi relativi alla realizzazione di reti distributive che consentano un risparmio e un miglioramento dell’efficienza dei sistemi di distribuzione e alla realizzazione di invasi di raccolta di acqua piovana di dimensione inferiore ai 250.000 mc., al fine di incrementare la disponibilità di risorsa idrica nei periodi di scarsità e di maggior emungimento per ridurre la pressione sulle acque di falda;

8.acquisto terreni agricoli per un massimo del 10% della spesa totale ammissibile dell’operazione considerata;

9.strutture di stoccaggio dei prodotti agricoli;

10.impianti, macchine e attrezzature innovativi per gli investimenti in filiera corta;

11.investimenti finalizzati al rispetto dei requisiti dell’Unione secondo quanto previsto all’art. 17 c. 6 del Reg. (UE) n. 1305/2013, ossia investimenti finalizzati al rispetto di requisiti di nuova introduzione, per un periodo massimo di 12 mesi dalla data in cui diventano obbligatori;

12. se collegate alle voci di spesa suddette, sono inoltre ammissibili le spese generali di cui all’art. 45, par. 2, lett. C) del Reg. UE 1305/2013.

Entità degli aiuti Operazione 4.1B

-          70% per i giovani agricoltori con azienda situata in zone svantaggiate, aree Natura 2000 e aree Naturali Protette

-          60 % per i giovani agricoltori con aziende situate in tutte le altre zone

Attività Ammissibili Sottomisura 6.4

Sottomisura che sostituisce l’Operazione 4.1B in caso di investimenti rivolti all’attivazione di attività extra-agricole.

1.l’ammodernamento di locali preesistenti – ivi compresi modesti ampliamenti nel limite consentito dalla Legge regionale n. 42/2013 (massimo 20% della volumetria esistente da utilizzare/utilizzabile per l’attività agrituristica) – e l’acquisto di attrezzature per la fornitura di ospitalità agrituristica, attraverso l’utilizzo di tecniche e forme costruttive che rispettino le caratteristiche del paesaggio rurale pugliese;

2.realizzazione di strutture accessorie funzionali all’esercizio dell’attività agrituristica autorizzata ai sensi della Legge regionale n. 42/2013;

3.l’ammodernamento di locali preesistenti – ivi compresi modesti ampliamenti – e l’acquisto di attrezzature per la fornitura di servizi educativi e didattici, nonché l’acquisto di arredi e di attrezzatura informatica;

4.l’ammodernamento di locali preesistenti – ivi compresi modesti ampliamenti – e l’acquisto di attrezzature per la fornitura di servizi socio-sanitari, nonché l’acquisto di arredi e di attrezzatura informatica;

5.la realizzazione di nuovi impianti e l’acquisto di attrezzature per la produzione di energia da biomassa, limitati ad una potenza di 1 MW, i suddetti interventi dovranno essere attuati a bilancio ambientale nullo o positivo e nel rispetto della normativa ambientale vigente.

Entità degli aiuti Sottomisura 6.4

-          50% Per tutti gli interventi ammissibili

Attività Ammissibili Sottomisura 3.1

1.Sono ammissibili all’aiuto le spese sostenute dagli agricoltori beneficiari, per la partecipazione per la prima volta ad uno dei regimi di qualità sovvenzionati di seguito elencate:

2.costi di prima iscrizione per il primo anno;

3.costi per il mantenimento nel sistema dei controlli;

4.costi delle analisi previste dal disciplinare di produzione, dal piano dei controlli dell’organismo di certificazione o dal piano di autocontrollo, nonché quelli degli standard di sostenibilità necessari per l’adesione ai Regimi di Qualità e previsti nei disciplinari di produzione.

5.I beneficiari possono essere sostenuti per un massimo di cinque anni consecutivi a partire dalla data di adesione

Entità degli Aiuti Sottomisura 3.1

-          Aiuto massimo annuale di € 3.000,00 ad azienda per i primi 5 anni di adesione. La percentuale di aiuto è pari al100% delle spese ammissibili

MODALITA’ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI SOSTEGNO

I giovani che intendono partecipare devono

-           costituire il fascicolo aziendale di sola anagrafica nel portale SIAN (www.sian.it) per il tramite dei Centri di Assistenza Agricola (CAA) autorizzati dall’AGEA (riportati sul sito www.agea.gov.it) oppure aggiornare il proprio fascicolo aziendale qualora il richiedente abbia già avviato l’attività di impresa agricola nei 12 mesi precedenti la presentazione della DdS.

-          redigere esclusivamente per via telematica e tramite tecnico agricolo abilitato, il piano aziendale.

-          compilare, stampare e rilasciare nel portale SIAN la DdS. I termini di operatività del portale SIAN sono fissati alla data del 05/09/2016 (termine iniziale) e alle ore 24,00 del giorno 15/11/2016 (termine finale).

-          Inviare esclusivamente all’indirizzo PEC giovaniagricoltori.psr@pec.rupar.puglia.it entro e non oltre le ore 12,00 del 22/11/2016 la DdS, debitamente firmata e compilata in ogni sua parte, corredata obbligatoriamente della seguente documentazione: a) copia del documento di identità in corso di validità del richiedente b) copia del Piano Aziendale con dichiarazione sostitutiva di atto notorio timbrata e firmata dal tecnico incaricato; c) attestazione di invio telematico del Piano Aziendale.

 

Agenda

«  
  »
L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30